Alla ricerca dell’umanità

Migranti si diventa, non si nasce.

Basterebbe questa frase per far capire ai politicanti odierni che chi si sposta da un continente all’altro, lasciando i propri cari, i propri ricordi, il proprio cuore in villaggi incendiati, in città distrutte, lo fa non per voglia di provare nuove esperienze, per voglia di incasinare i paesi in cui migrano, ma per necessità. Quella necessità causata dalle guerre, dalla fame, dalla mancanza cronica di speranze. Ognuno vorrebbe stare nel proprio paese e con i propri familiari a vivere una vita felice e  tranquilla. Ma c’è anche chi non ha questa fortuna. C’è anche chi vive di sofferenze continue. C’è anche chi vive di battaglie(perse) quotidiane. Questi ragazzi venendo in Europa chiedono una vita decente, una sopravvivenza anche stentata, ma vivibile. Questi ragazzi combattono per una speranza ormai morta. Morta come spesso lo sono i loro cari. Sono giovani che piangono lacrime di sangue e di sacrifici. Ora vengono da noi, e che trovano? Solo terra bruciata, rifiuto e senso di diffidenza. Vengono qui facendo viaggi disumani in barconi della morte. Sono accolti come se fossero gli ultimi organismi della scala sociale. Compiono tragitti in clandestinità, senza biglietti e senza documenti, per arrivare alla frontiera francese. Arrivati qui vengono rifiutati e sbattuti tra confine italiano e confine francese. Per una scaramuccia tra i due paesi, questi ragazzi soffrono ancora una volta. La loro sofferenza sembra infinita. Ma meritano davvero tutto questo?

In fondo noi viviamo, loro, invece, chiedono solo di sopravvivere.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Attualità, Cronaca

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...